La nuova scritta nel bordo del simbolo del Movimento 5 Stelle è “Movimento5stelle.it“. Sostituisce la vecchia “Beppegrillo.it“. E il nome del fondatore scompare dal logo. E’ il risultato della consultazione online, annunciato sul blog dello stesso Grillo. In discussione non era la cancellazione del nome del comico, che aveva già preso la sua decisione, ma da che cosa sarebbe stata sostituita. La scelta era tra nulla e “Movimento5stelle.it”, risultata l’opzione preferita.

“Hanno partecipato alla votazione 40.995 iscritti certificati“, si legge sul blog. “Hanno votato per il simbolo con l’http://www.movimento5stelle.it 31.343 iscritti, per il simbolo senza http 9.652 iscritti”. Il cambiamento del simbolo, si legge ancora sul blog, “non avverrà immediatamente per questioni burocratiche. Nei prossimi tre mesi le persone con titolarità di utilizzo del logo del MoVimento 5 Stelle riceveranno istruzioni su come comportarsi. Fino ad allora potranno continuare a utilizzare il simbolo del MoVimento 5 Stelle attuale”.

Beppe Grillo ha annunciato più volte di voler togliere il proprio nome dal simbolo, e poi ha lanciato il voto online per far scegliere agli attivisti il nuovo logo. La votazione è iniziata alle 10.30 di martedì mattina è andata avanti fino alle 19. “Il 16 gennaio 2005 nasceva il Blog e il 4 ottobre 2009 a Milano fu fondato il Movimento 5 Stelle il cui simbolo riprendeva l’http://www.beppegrillo.it/ – ha scritto il portavoce sul sito – E’ stato il primo movimento politico nato da un Blog. Io ci ho messo la faccia, il nome e anche il cuore, ma oggi che il MoVimento 5 Stelle è diventato adulto e si appresta a governare l’Italia credo che sia corretto non associarlo più a un nome, ma a tutte le persone che ne fanno parte. Per questo voglio cambiare il simbolo eliminando il mio nome“.

Il leader M5S ha messo ai voti la scelta sul futuro simbolo. “La consultazione di oggi – spiega – è relativa al nuovo simbolo, che comunque dovrà essere riconducibile a quello attuale. La scelta è tra nessun indirizzo http al posto del mio nome o un nuovo http://www.movimento5stelle.it”. Più volte Grillo in passato aveva espresso la volontà di togliere il proprio nome dal simbolo. Alla kermesse M5S di Imola, il mese scorso, era tornato con più foga sull’argomento: “Ho un sogno e si avvererà prestissimo – aveva detto dal palco – togliere quel Beppe Grillo dal simbolo perché il Movimento diventerà vostro e basta, senza nomi e cognomi”.

Non sono mancate le reazioni dello stato maggiore del M5s alla decisione del leader. “Questo gesto per me è l’ennesimo atto di una persona eccezionale con lo sguardo rivolto sempre al bene generale e all’interesse collettivo” ha scritto su Facebook Roberto Fico, membro del direttorio M5S e presidente della Vigilanza Rai, secondo cui “da oggi tutti coloro che partecipano al movimento, eletti e non, hanno una responsabilità in più”. Sulla stessa linea d’onda Alessandro Di Battista: “Oggi Grillo fa quello che ha sempre detto che avrebbe fatto. Dopo averci messo la faccia, il nome e il cuore”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, via il nome di Grillo dal simbolo. Quali saranno gli effetti alle urne?

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi: la strage, il silenzio e lo sgomento

next