A poche ore dagli attentati di Parigi, il ministro degli Interni belga, Jan Jambon, aveva fatto un riferimento esplicito ai mezzi che i membri dell’Isis userebbero per comunicare fra loro: non solo computer e smartphone, ma sempre più spesso anche console per videogiochi e soprattutto la PlayStation 4, che sfuggirebbe ai mezzi di controllo dell’intelligence. Un allarme ribadito dal ministro anche durante un’intervista a Politico.eu (il sito Internet/giornale che dal 2007 ha rivoluzionato l’informazione politica di Washington). “I servizi di sicurezza internazionali – ha detto Jambon – hanno notevoli difficoltà a decifrare le comunicazioni attraverso la PlayStation 4 che è ancora più complicato che per WhatsApp, già considerato un sistema di comunicazione molto sicuro. C’è la possibilità – ribadisce il ministro belga – che i terroristi utilizzino i videogiochi per comunicare, evitando di scrivere messaggi nelle chat dei giochi, anche solo facendo tenere ai protagonisti del gioco determinati comportamenti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Parigi, polizia tedesca ferma un 39enne algerino: “Ha parlato di terrore in Francia prima di venerdì”

next
Articolo Successivo

Siria, Erdogan: “Assad non è nel futuro. Non si ricandiderà alle elezioni”. Putin: “Soldi a Isis da 40 Paesi, anche del G20”

next