“Quando abbiamo sentito gli spari è iniziato il panico, ci siamo messi a terra: in quel momento ho sperato che il pavimento mi inghiottisse, per sparire, per non essere vista”. Sono le dichiarazioni rilasciate all’emittente francese France24 da una donna che era tra i circa 200 spettatori del concerto rock all’auditorium parigino Bataclan, uno dei luoghi colpiti dagli attentati terroristici che a Parigi hanno causato 127 morti e centinaia di feriti. “Poi quando i terroristi si sono fermati per ricaricare le armi alcuni sono riusciti a scappare: presto, presto, si è detto, e siamo usciti”. Aggiunge un altro testimone, che racconta: “Sembrava una scena di guerra, sangue e vetri rotti ovunque”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentati Parigi, #PrayForParis e #FranceUnderAttack: la solidarietà e le reazioni su Twitter il giorno dopo

next
Articolo Successivo

Attentati Parigi, la diretta Twitter degli inviati del Fatto e la cronaca ora per ora

next