La sezione di polizia giudiziaria della polizia insieme ai carabinieri ha eseguito un misura cautelare ai domiciliari, con applicazione del braccialetto elettronico, nei confronti di cinque persone, tra dirigenti di Messinambiente ed imprenditori, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Messina su appalti pubblici e mazzette. Le persone arrestate sono l’ex amministratore delegato ed ex liquidatore di Messinambiente che si occupa della raccolta rifiuti a Messina Armando Di Maria, di 55 anni, il funzionario della stessa società Antonino Inferrera, di 70, Antonio Buttino, 73 broker assicurativo, gli imprenditori Marcello De Vincenzo, di 65 e Francesco Gentiluomo, di 70, tutti sono accusati di corruzione. Ecco l’audio di una delle intercettazioni legate all’inchiesta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca indagato attacca la stampa: “Un giornale colorato come Topolino dovrebbe chiudere”

next
Articolo Successivo

Enna, Crisafulli indagato: “Ha aperto la sua Università romena nei locali di un ospedale senza avere i permessi”

next