“La Turchia è indietro per quanto riguarda la libertà di espressione e di assemblea”. Ad affermarlo è la Commissione europea nel rapporto dedicato ai paesi candidati ad entrare nell’Ue. Sotto accusa sono soprattutto i tanti provvedimenti contro i mezzi di informazione: “Dopo diversi anni di progressi nella libertà di espressione – scrivono da Bruxelles – sono stati osservati gravi passi indietro negli ultimi due anni. In particolare i procedimenti penali in corso e nuovi contro giornalisti, scrittori o utenti dei social media, l’intimidazione di giornalisti e media e le azioni delle autorità che limitano la libertà dei mezzi di comunicazione sono di notevole preoccupazione”.

Gli ultimi episodi di censura sono avvenuti ai primi di novembre, nell’immediato nei giorni dopo le ultime elezioni politiche: per una copertina polemica contro il presidente Erdogan sono stati arrestati il direttore e il caporedattore centrale della rivista “Nokta”. “In Turchia sono stati fatti progressi notevoli nella tutela dei diritti umani – si legge ancora nel rapporto – ma rimangono ancora gravi carenze”. Per Bruxelles proprio le troppe tornare elettorali insieme alla frammentazione politica sta rallentando il processo di riforme. Infine la Commissione esorta il governo di Ankara ha risolvere in tempi brevi la questione curda: “Si spera di vedere la fine della escalation di violenza in Turchia: è fondamentale far ripartire i colloqui con il Kurdistan. Il processo di risoluzione di pace si è fermato nonostante fossero stati realizzati sviluppi positivi”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vietnam: tanti morirono per ottenere che cosa?

next
Articolo Successivo

Irlanda del Nord, dopo 43 anni il primo arresto per la “Bloody Sunday”

next