Presunti abusi, vessazioni e voti di obbedienza scritti con il sangue. Sono le inquietanti accuse mosse dalle suore del convento dei frati francescani dell’Immacolata di Frigento e contenute in un dossier inviato alla procura della Repubblica di Avellino che ha subito aperto un fascicolo sulla vicenda.

Lo scenario, descritto da una delle ex suore del convento al Corriere della Sera, è degno di un film dell’orrore: consorelle costrette a subire molestie, pasti in cui venivano serviti solo cibi scaduti, vocazioni forzate e confessioni usate come strumento di ricatto e persino frustate.

Al centro delle accuse – come riportato dal Corriere – il fondatore dell’Istituto religioso padre Stefano Maria Manelli. Mannelli, assistito dall’avvocato Enrico Tuccillo, ha definito le accuse contenute nei documenti, calunnie e ha già presentato tre denunce (per calunnia) alla Procura della Repubblica di Avellino.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

LA PROFEZIA DEL DON

di Don Gallo e Loris Mazzetti 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elena Ceste, il marito condannato a 30 anni in primo grado

next
Articolo Successivo

Genova, crolla il tabù: sui terreni di Preziosi arriva Esselunga. Stop invece a Coop

next