Nella notte tra il 2 e il 3 gennaio 2012 qualcuno forzò gli armadietti che contenevano le pratiche di invalidità della Municipalità di Ponticelli, quartiere di Napoli, e diede fuoco alle carte nel tentativo di ostacolare le indagini sulla truffa dei falsi invalidi. Lo scrive il Gip di Napoli Claudio Marcopido nell’ordinanza cautelare notificata stamane a 29 persone – 15 agli arresti domiciliari, 14 con  l’obbligo di firma – accusate di concorso in truffa aggravata ai danni dell’Inps, falso ideologico, contraffazione di certificati medici. E’ l’ennesimo filone della maxi inchiesta della Procura di Napoli sul fenomeno dei falsi invalidi, coordinata dal pm Giancarlo Novelli. Ben 425 le persone arrestate dal gennaio 2010 ad oggi, grazie al lavoro investigativo dei carabinieri del comando provinciale di Napoli. Nel video diffuso dai militari si vedono alcuni indagati ripresi dalle telecamere nascoste mentre svolgono lavori incompatibili con le patologie dichiarate e per le quali percepivano i sussidi. C’era chi vendeva sigarette di contrabbando, nella zona del Borgo Sant’Antonio a Napoli, chi faceva il commesso di profumi in un negozio di cosmetici e chi gestiva un bar. Le telecamere riprendono anche una donna lavorare come cassiera in un supermercato. Quanto all’incendio doloso in Municipalità, il Gip sottolinea che è stato possibile ricostruire la falsità delle documentazioni attraverso altre fonti  di Vincenzo Iurillo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Messina senz’acqua: a Calatabiano frana rompe condotta che rifornisce la città

prev
Articolo Successivo

‘Roma, re-cesso mundi’. Il bagno pubblico dove c’è, funziona e migliora l’urbanistica

next