Il sindaco Pd di Predappio (Forlì) è indagato per peculato. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, il primo cittadino Giorgio Frassineti è accusato di aver usato la macchina del Comune non solo per motivi di lavoro. Il fascicolo è sul tavolo del procuratore capo di Forlì. Il sindaco, cui è stata notificato l’avviso di chiusura delle indagini, avviate da un esposto anonimo, si è detto “sereno” parlando di un uso del mezzo solo per fini istituzionali.

Al primo cittadino viene contestato l’uso della Fiat Punto comunale per motivi personali e non solo lavorativi. Il veicolo che dovrebbe servire per tutti gli spostamenti dell’amministrazione sarebbe stato usato esclusivamente per gli impegni (anche quelli privati) di Frassineti. L’indagine riguarda anche l’uso dei buoni benzina del Comune.

Il sindaco renziano è stato eletto a maggio 2014 e amministra la città da 6mila abitanti, patria natale di Benito Mussolini e che ancora oggi è meta di pellegrinaggio dei nostalgici del Ventennio fascista. Poche settimane fa il primo cittadino è riuscito a ottenere la cessione della Casa del Fascio dallo Stato e ha presentato il piano di riqualificazione dell’edificio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fisica, il Cern alla stazione di Bologna e la classifica dei musei più belli

prev
Articolo Successivo

People Mover Bologna, dopo 7 anni il Comune dà il via al cantiere delle polemiche

next