“In Europa si vive un momento di grande travaglio culturale, davanti a persone che arrivano da tutto il mondo non si riesce a convivere”. A dirlo è Gianna Nannini, dal palco del Medimex, il Salone dell’innovazione musicale in corso a Bari, dove si è raccontata a lungo. Una digressione politica quella della cantautrice senese, che prende le mosse da uno dei brani che hanno segnato la sua carriera: Ragazzo dell’Europa, occasione per riflettere sulle responsabilità dei paesi del vecchio continente, che sembrano aver smesso di credere nell’idea di un’Europa unita e solidale: “Quell’Europa – ha ricordato Gianna Nannini – era per il disarmo totale, se oggi si perseguisse questo sogno l’Europa sarebbe un grande paese senza questi conflitti. Nella prima e nella seconda guerra mondiale ci sono tutti gli ingredienti per capire la nostra storia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Toa Mata Band, quando in consolle ci sono i Lego: il progetto di Giuseppe Acito

prev
Articolo Successivo

Medimex, la riscossa del vinile: “Non è un affare per vecchi” (VIDEO)

next