Io indagato? E’ un atto dovuto perché serve alla magistratura per capire se c’è colpa o meno. Io sono certo dell’assoluta trasparenza del mia azione amministrativa. Bisogna invece chiedersi perché la politica, in ogni modo, non vuole dare una spiegazione e fare un confronto pubblico e sceglie la burocrazia, come le dimissioni di massa, per evitare questo confronto?“. Così il sindaco di Roma, Ignazio Marino (Pd), stamattina a Roma

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, la saga di Marino e quella relazione secretata che nasconde gli strumenti del potere

prev
Articolo Successivo

Ignazio Marino, l’ultima partita (persa): due inchieste e le firme dei consiglieri. I renziani: “Bugiardo”. Vaticano: “Farsa”

next