Il video della morte di Zachary Hammond, il 19enne di Seneca (South Carolina) ucciso a colpi di pistola dall’agente Mark Tiller, il 28 luglio scorso. Dopo mesi di suppliche da parte della famiglia del ragazzo, le autorità hanno rilasciato il video  –  ripreso dalla dashcam dell’agente Tiller – che mostra la dinamica dei fatti che hanno portato alla morte del ragazzo. Zach si trovava nella sua auto parcheggiata nei pressi di un fast food insieme ad una ragazza, Tori Morton, una spacciatrice che era tenuta da tempo sotto osservazione dalla polizia di Seneca. Ed è proprio nel parcheggio del fast food, dove Zachary è stato ucciso, che i poliziotti volevano incastrare la ragazza, tramite un agente sotto copertura che aveva preso accordi con la Morton per comprare dell’erba. Nel filmato, si vede Mark Tiller arrivare con la sua auto nel parcheggio, scendere dal mezzo con in mano la pistola per poi intimare ai ragazzi di uscire dall’auto. Ma il ragazzo, probabilmente spaventato dall’agente, ha tentato di scappare provocando la reazione violenta del poliziotto che ha sparato senza pensarci due volte, colpendolo a morte. Ora, la famiglia del ragazzo vorrebbe fare più chiarezza sull’accaduto. Soprattutto alla luce delle nuove prove video che smentiscono la versione del poliziotto secondo il quale Zachary avrebbe tentato investirlo e che lui avrebbe sparato per legittima difesa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Russia, tragedia sfiorata all’outlet: bimba si appende a scala mobile e cade dal secondo piano

prev
Articolo Successivo

Canada, la cittadina di St. George anticipa il Natale per festeggiarlo insieme a bimbo malato terminale

next