C’era anche il regista Quentin Tarantino a Bryant Park, a New York, tra i manifestanti che hanno protestato contro le violenze della polizia, in particolare quelle rivolte contro gli afroamericani. Il regista premio Oscar ha, infatti, sfilato per le strade della metropoli, chiedendo una riforma del sistema della giustizia penale e delle forze dell’ordine negli Usa. I manifestanti hanno letto i nomi di 250 vittime delle azioni sconsiderate della polizia, tra cui anche Michael Brown, diciottenne disarmato ucciso a Ferguson nell’agosto del 2014, e Freddie Gray, 25enne morto ad aprile dopo essere stato arrestato a Baltimora
(video tratto dalla pagina Facebook di Gregory Kirschenbaum)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto di magnitudo 8.1 tra Pakistan e Afghanistan: 230 vittime e più di 1200 feriti. Dodici ragazze morte in una scuola (FOTO)

next
Articolo Successivo

Londra, Cameron blocca la costruzione della moschea più grande del Regno Unito

next