Colpo di scena nel caso Air Cocaine: Pascal Fauret e Bruno Odos, i due piloti francesi condannati in primo grado a 20 anni di carcere nella Repubblica Dominicana per traffico di droga, sono tornati Francia. A riportare la notizia è stato il quotidiano Le Figaro. Il caso era iniziato nel marzo del 2013 quando i due, insieme ad altri due connazionali, erano stati trovati in possesso di 680 chili di cocaina distribuiti in 26 valigie su un jet privato in partenza da Punta Cana.  I quattro si sono sempre dichiarati innocenti e dopo la condanna in Francia si è formato un movimento d’opinione in loro sostegno. In attesa del giudizio erano stati scarcerati, ma su disposizione del tribunale dominicano non potevano lasciare il Paese. A raccontare il ritorno in patria dei due piloti, ora, è invece stato il loro avvocato, Jean Reinhart: “Non sono fuggiti dalla giustizia ma sono fuggiti per cercare giustizia. E non sono evasi perché non erano in prigione” precisa.

La questione, tuttavia, rischia di diventare un caso diplomatico – e infatti nessuno del governo francese per il momento vuole commentare – con alcuni tratti della vicenda che da questo punto di vista ricordano – con le dovute differenze e con accuse del tutto diverse – quello dei marò italiani che ancora professano la propria innocenza in India. A quanto riportano i giornali francesi, gli altri due coinvolti si trovano ancora nel paese caraibico: si tratta del passeggero, Nicolas Pisapia e il membro dell’equipaggio, Alain Castany. Nel processo sono stati coinvolti anche 10 dominicani: in 6 hanno patteggiato mentre gli altri 4 condannati con pene da 5 ai 10 di anni di reclusione.

Nell’inchiesta c’è anche un filone francese condotto dalla procura di Marsiglia, in cui erano già indagati i due piloti. Il caso ha fatto rumore in Francia perché la compagnia aerea coinvolta, la Sn-Hrt, tra il 2011 e il 2013 aveva organizzato diversi voli di Stato per l’allora presidente della Repubblica Nicolas Sarkozy. Tuttavia la vicenda non è mai stata collegata allo traffico di cocaina a Santo Domingo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, recuperati 40 cadaveri al largo della Libia. Intesa in Ue su rotta balcanica

prev
Articolo Successivo

Elezioni Argentina: tramonta nelle urne il sole del kirchnerismo

next