“Credevamo si trattasse di ipotermia perché il bimbo era gelido e aveva mani e piedi bianchi e aveva la schiuma alla bocca”. Così, Recep Evran, capitano della barca di pescatori che al largo di Kusadasi (Turchia) racconta come ha salvato il bimbo di 18 mesi caduto in mare dopo che la nave di migranti su cui viaggiava era affondata due giorni fa nella zona di Aydin, secondo quanto riportano i media turchi. Le immagini del video mostrano come i pescatori cercano di far uscire l’acqua dai polmoni del bambino tentando anche un massaggio cardio-respiratorio. Il bimbo – identificato come Mohammad Hasan – è ricoverato all’Ospedale Statale di Esmirna e non corre più pericolo, così come gli altri bambini recuperati in mare dal peschereccio. Nel naufragio sono morte due persone e una decina sarebbero i dispersi (video tratto da Youtube dal canale tvnet)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Turchia, la tensione è senza strategia

prev
Articolo Successivo

Gezi Park, condannati 244 manifestanti al processo sugli scontri del 2013

next