“La cosa molto strana è che la Banca di Spoleto, una banca sana, è stata ceduta al Banco di Desio, che di problemi ne ha avuti. Visco indagato (come rivelato da uno scoop del Fatto Quotidiano) è una cosa gravissima, è un terremoto per la sicurezza del nostro sistema bancario e non se ne parla, è Banca d’Italia che dovrebbe essere commissariata, non le banche che vanno bene. Questa è una cosa vergognosa, grave, anche se noi siamo garantisti e aspettiamo che si concludano i processi”. Così il deputato del M5s, Daniele Pesco, in conferenza stampa a Montecitorio insieme a Stefano Lucidi, Carla Ruocco ed Alessio Villarosa, sulla vicenda del commissariamento della Banca Popolare di Spoleto, per chiedere “le immediate dimissioni di Visco e una commissione d’inchiesta e per denunciare che Bankitalia, sceglie di esercitare si suoi poteri di Vigilanza commissariando per piccole banche che devono intervenire a soccorso di istituti più in difficoltà, come il Monte dei Paschi“. Una cosa è certa – continua Pesco – noi abbiamo denunciato più volte che il commissariamento della Banca Popolare di Spoleto non andava fatto”. “Stiamo lavorando in queste ore – annuncia il senatore Stefano Lucidi – a un disegno di legge per istituire una commissione d’inchiesta su questo caso, ma la nostra azione potrebbe essere spuntata, perché il governo è complice, non risponde. Il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, permette che non siano date risposte alle nostre interrogazioni e non ci permettono di esercitare la nostra azione controllo. Siamo qui per dire – conclude Lucidi – che 21 mila soci della banca vanno tutelati”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl Boccadutri, fuorionda di Realacci (Pd): “Un atto di sciatteria inaccettabile”

prev
Articolo Successivo

Senato, il renziano Tonini nuovo presidente in commissione Bilancio dopo Azzollini

next