Le imposte non pagate ogni anno dalle multinazionali attive nei paesi del G20 si attestano tra i 100 e i 240 miliardi di dollari. Il dato, stimato dall’Ocse, è emerso durante un convegno sul progetto Base erosion and profit shifting (Beps) dell’organizzazione parigina, che punta a contrastare l’evasione fiscale internazionale e lo spostamento dei profitti in Paesi che offrono trattamenti più favorevoli. Le nuove regole sulla tassazione delle multinazionali, che diventeranno definitive a metà novembre, puntano a stringere le maglie riducendo i fenomeni di ‘doppia non imposizione‘ e garantendo un allineamento delle norme tributarie.

In particolare saranno rivisti i criteri di tassazione dei gruppi multinazionali, in alcuni casi anche a prescindere dall’effettiva presenza fisica in un singolo Stato. Le aziende dovranno fornire indicazioni sulle modalità con cui generano valore e non potranno più utilizzare gli accordi contrattuali come fonte esclusiva per determinare la localizzazione dei propri profitti. Il progetto Beps, che ha ottenuto il sostegno del G20, è articolato in 15 linee di azione, dal contrasto ai trasferimenti finanziari fittizi, alle indebite deduzioni di interessi e alle filiali fantasma a un sistema di monitoraggio dei risultati.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monte dei Paschi Siena, avvocato piccoli risparmiatori: “Dilapidati 100 miliardi, colpa anche della vigilanza”

prev
Articolo Successivo

Mediaset Premium tutelata da Agcom: chiusi tre siti pirata per vedere la seria A

next