Ancora sangue a Napoli. Durate una sparatoria avvenuta a San Pietro a Patierno, periferia della città,  un ragazzo di 24 anni è stato ucciso per un colpo di arma da fuoco. Secondo gli inquirenti un proiettile l’ha colpito alla testa. La vittima, Domenico Aporta era ritenuto vicino al clan camorristico “Vinella Grassi” e aveva precedenti per rapina e spaccio di stupefacenti. Durante il conflitto a fuoco il fratello Mariano, 21 anni incensurato, è rimasto ferito a un braccio. il ragazzo, interrogato dalla polizia, ha dichiarato di essere stato ferito in Piazza Di Vittorio, in un altro luogo quindi rispetto a quello dove è stato ucciso il fratello.  Gli agenti tuttavia, nel luogo indicato non hanno trovato tracce di sangue, bossoli e neanche lo scooter che il giovane ha detto di aver abbandonato dopo gli spari.  Il giovane afferma inoltre di aver scoperto l’omicidio tramite la polizia. Il cadavere dell’uomo è quindi rimasto in strada per diverse ore; tra gli abitanti del quartiere nessuno sostiene di aver assistito alla sparatoria, nonostante alcuni proiettili abbiano colpito delle persiane della case circostanti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Castello Rivoli, scale mobili da 2 milioni. Ma ferme da un anno e causa di frane

prev
Articolo Successivo

Trident Juncture 2015: piovono bombe su Capo Teulada

next