“L’articolo 72 della Costituzione impone ai provvedimenti di essere esaminati prima in commissione e poi in Aula”. La butta sul tecnico il senatore Ncd Carlo Giovanardi che attacca l’accelerazione del Pd sul ddl Cirinnà sulle unioni civili che lo vuole al Senato una volta archiviata la pratica riforme costituzionali. “Non possiamo coprirci di ridicolo davanti al Paese – attacca il senatore cattolico, fermamente contrario all’estensione dei diritti soprattutto in merito di adozioni – Io non voterò più la fiducia a questo governo. Che Matteo Renzi se la faccia votare dal Movimento 5 Stelle, dato che hanno dato parere favorevole alla legge” di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ius soli “temperato”, primo ok alla Camera. Contrari Fi, Lega Nord e Fdi. M5S si astiene

next
Articolo Successivo

Napoli, Anagrafe registra atto di nascita di bimbo con due mamme. E’ il primo caso in Italia

next