Un’esplosione controllata ha demolito a Glasgow – in una nuvola di polvere e di ricordi – le sei torri di Red Road: palazzoni rossi simbolo dell’architettura popolare nella città operaia per eccellenza della Scozia. Ecco come in pochi minuti è cambiato lo skyline della città scozzese, anche se l’implosione non è stata un completo successo: due torri, infatti, sono rimaste parzialmente in piedi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attacco ad Ankara, il premier turco: “Colpevoli due kamikaze, forse jihadisti”. Proclamati 3 giorni di sciopero nazionale

next
Articolo Successivo

Iraq, “Al Baghdadi non è ferito”. Ma fonti locali smentiscono: “E’ in ospedale”

next