Tragedia sfiorata per un soffio durante il Gp di Sochi, in Russia: il pilota della Ferrari, Sebastian Vettel, si è visto passare davanti un uomo addetto al controllo della pista e l’ha evitato per un pelo. L’addetto si trovava in quel punto perché doveva raccogliere un pezzo di alettone perso dalla Toro Rosso del pilota spagnolo Carlos Sainz

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Haka, dal 1922 ad oggi le migliori danze Maori degli All Blacks

next
Articolo Successivo

Formula 1, Gp Sochi: Hamilton festeggia con il colbacco e innaffia Putin con lo champagne

next