Barbarie allo stato puro”. Il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti assieme e ai magistrati della procura di Catanzaro ha illustrato i dettagli dell’inchiesta che ha portato all’arresto di due dei responsabili dell’omicidio del piccolo Nicola Campolongo ucciso il 16 gennaio 2014 a Cassano allo Jonio assieme e al nonno Giuseppe Iannicelli e alla compagna di quest’ultimo, Ibtissam Touss, di origine marocchine. Un delitto maturato negli ambienti della ‘ndrangheta della Sibaritide e del traffico di droga gestito da Giuseppe Iannicelli il quale si è fatto scudo del nipote e della donna per non cadere in un agguato. I killer non hanno avuto pietà e dopo aver sparato alle vittime gli hanno dato fuoco dentro l’auto del nonno. “Sappiamo per certo – ha affermato il procuratore nazionale Roberti – del coinvolgimento dei due arrestati come coloro che hanno attirato Iannicelli nella trappola e hanno bruciato i cadaveri. Sono venute meno tutte le regole che governavano la criminalità organizzata” di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Report: “All’asta i nostri premi per la famiglia di Korol”, l’ucraino ucciso in una rapina a Napoli

next
Articolo Successivo

Sit-in pro Marino: “Renzi dimettiti tu. Il Pd salva De Luca e scarica un sindaco onesto”

next