Le spese di rappresentanza e le carte di credito aziendali o del Comune sono una incitazione a delinquere. Il sindaco di Roma prende poco. Ora si arrabbieranno i 5 Stelle“. Sono le parole del senatore della minoranza Pd, Corradino Mineo, sul caso Marino, durante ‘L’Aria che tira’, su La7. “Il sindaco di Roma” – spiega – “è un uomo con le sue responsabilità e si siede con imprenditori che prendono 10 volte più di lui e con giornalisti che percepiscono almeno il doppio. Quello di abbassare lo stipendio del sindaco di Roma da 4mila euro a 2500 euro è una sciocchezza demagogica. E aggiunge: “Non si possono aggiustare queste sciocchezze demagogiche con questa follia delle note spese. Io alla Rai non ho mai voluto, né avuto una carta di credito aziendale, perché si tratta di un sistema del furto. E’ giusto riconoscere degli emolumenti alle persone che rivestono responsabilità ma senza finzioni perché sulle finzioni prima o poi si finisce male”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marino, Travaglio a Nardella (Pd): “Tolleranti con gli amici di Renzi e severi coi nemici”

next
Articolo Successivo

Crozza-Marino: “Ho 20 giorni per il recesso e riprendermi i 20mila euro di caparra”

next