Le spese di rappresentanza e le carte di credito aziendali o del Comune sono una incitazione a delinquere. Il sindaco di Roma prende poco. Ora si arrabbieranno i 5 Stelle“. Sono le parole del senatore della minoranza Pd, Corradino Mineo, sul caso Marino, durante ‘L’Aria che tira’, su La7. “Il sindaco di Roma” – spiega – “è un uomo con le sue responsabilità e si siede con imprenditori che prendono 10 volte più di lui e con giornalisti che percepiscono almeno il doppio. Quello di abbassare lo stipendio del sindaco di Roma da 4mila euro a 2500 euro è una sciocchezza demagogica. E aggiunge: “Non si possono aggiustare queste sciocchezze demagogiche con questa follia delle note spese. Io alla Rai non ho mai voluto, né avuto una carta di credito aziendale, perché si tratta di un sistema del furto. E’ giusto riconoscere degli emolumenti alle persone che rivestono responsabilità ma senza finzioni perché sulle finzioni prima o poi si finisce male”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marino, Travaglio a Nardella (Pd): “Tolleranti con gli amici di Renzi e severi coi nemici”

prev
Articolo Successivo

Crozza-Marino: “Ho 20 giorni per il recesso e riprendermi i 20mila euro di caparra”

next