Immagini eloquenti di militari israeliani che si fingono palestinesi per infiltrarsi fra di loro sono state riprese nella zona di Ramallah, in Cisgiordania (a 18km da Gerusalemme), e pubblicate anche dall’agenzia francese AFP. All’inizio della sequenza si nota un gruppo di palestinesi col volto coperto dalla kefiah lanciare sassi contro un’unità dell’esercito e scandire slogan anti-israeliani. Ma a un certo punto alcuni ‘dimostranti’ si rivolgono a sorpresa contro quelli che sembravano essere loro compagni e li trascinano a forza verso i soldati. Nella prosecuzione della sequenza i militari infieriscono su un dimostrante – ormai a terra, isolato – e lo percuotono ripetutamente. Secondo il Times of Israele l’esercito ha aperto un’inchiesta su questo ultimo aspetto della operazione, che appare in contrasto con la disciplina militare. Inoltre, in un video da un’altra angolatura, pubblicato dall’agenzia palestinese Qudsnet, uno degli agenti israeliani travestiti da manifestanti palestinesi avvicina la sua arma d’ordinanza alla gamba di un giovane palestinese appena arrestato e a terra, e sembra esplodere un colpo. Successivamente, il video mostra il giovane che viene continuamente percosso e trascinato via dai soldati israeliani

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un Nobel per la pace che fa bene alla Tunisia

prev
Articolo Successivo

La Mecca, “i morti nella calca sono stati almeno 1.453, peggiore strage di sempre”

next