Lo hanno seguito per portargli via i soldi appena prelevati. E lo hanno rapinato con una pistola giocattolo, priva di tappo rosso. Il gioielliere ha reagito e ha sparato, uccidendoli. Adesso è indagato per eccesso colposo di legittime difesa. E’ questa la prima ricostruzione dei carabinieri che indagano sul duplice omicidio avvenuto intorno a mezzogiorno a Ercolano, in provincia di Napoli, nel parcheggio di un magazzino di bibite e detersivi all’angolo tra via Alveo all’angolo e corso Resina, non lontano dagli scavi.

Il commerciante di preziosi, 68 anni, era appena uscito dal Banco di Napoli di via IV Novembre, da cui aveva ritirato almeno cinquemila euro e stava entrando nel deposito di proprietà di un parente. I due banditi a volto scoperto e a bordo di uno scooter lo hanno avvicinato nel parcheggio. A quel punto l’uomo ha sparato alcuni colpi con una pistola regolarmente denunciata (aveva da poco rinnovato il porto d’armi): una Beretta calibro 9×21, che è stata sequestrata.

I cadaveri dei due rapinatori sono stati trovati a distanza di pochi metri l’uno dall’altro. I carabinieri li hanno identificati. Si tratta di Bruno Petrone, di 53 anni, residente nel quartiere Secondigliano, e di Luigi Tedeschi, di 51 anni, residente al Rione Sanità, entrambi con precedenti specifici alle spalle. Addosso a uno dei due sono stati trovati i cinquemila euro del 68enne. Mentre nel piazzale del deposito sono stati raccolti 6-7 proiettili calibro 9×21.

Il pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli Pierpaolo Filippelli ha interrogato il commerciante nella sede della Tenenza dei carabinieri di Ercolano: è indagato in stato di libertà. “Non ho sparato per i soldi – ha detto durante l’interrogatorio e di cui ha riferito il suo avvocato Maurizio Capozzo – ma perché mi hanno puntato la pistola in faccia e ho temuto per la mia vita”.

Sul luogo del duplice omicidio si sono presentati anche alcuni parenti di uno dei due pregiudicati, tra cui anche la moglie. “Ha sbagliato anche lui e deve pagare”, ha gridato riferendosi al gioielliere. “E’ colpa dello Stato”, ha urlato un ragazzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone del libro di Torino esclude l’Arabia Saudita: “C’è una cultura di regime”

next
Articolo Successivo

Omicidio Yara Gambirasio, “Colpita con una lama”: foto choc in aula. Tomba videosorvegliata per 3 anni

next