Ricordo l’avvento di Verdini in Parlamento, che per due anni non è stato guardato, né ricevuto da Berlusconi. Mi chiedeva la pietà di presentargli il Cavaliere per poterlo conoscere e incontrare. Aveva il divismo di chi chiede un selfie. Verdini è un uomo da selfie“. Così Vittorio Sgarbi, ospite di Otto e Mezzo (La7), tratteggia la figura del senatore di Ala, Denis Verdini, in un crescendo successivo di sferzate e di giudizi severi. E rincara: “Verdini sta dietro la macchina fotografica o il telefonino per dire di stare vicino a uno importante, che prima era Berlusconi e ora è Renzi. La vera pornografia e oscenità nel Parlamento non è il gesto sessista di Barani, né sono le parolacce del M5S, ma è quello che Verdini ha portato come degrado assoluto“. Sgarbi spiega brevemente le differenze tra certo trasformismo tipo del centro, incarnato ad esempio da Follini, e quello inaugurato da Angelino Alfano: “Fonda un partito chiamato Nuovo Centro Destra e sta in un governo di sinistra. E’ evidentemente un po’ disorientato, un po’ schizofrenico. Arriva poi Verdini che sta in Parlamento solo per i suoi interessi materiali, senza avere alcun interesse per i suoi elettori, né per i cittadini. Verrà chiaramente falcidiato e non verrà più eletto”. E aggiunge: “Nessuno può rispecchiarsi nel modello opportunistico di Verdini, al cui confronto i Casamonica sono modelli di morale e di civiltà. E’ il degrado che hanno attribuito ai Casamonica ed è la mafia in Parlamento. La mafia è questa: prendere quote di gente eletta da una parte e sostenere una politica per cui non si è stati eletti“. Il critico d’arte poi biasima la nomina dei ministri portati da Alfano, gli stessi del governo Letta: “E’ il presidente del Consiglio a scegliere i ministri, non li prende a scatola chiusa. Questo si chiama ‘voto di scambio’. E’ osceno, gravissimo, un crimine peggiore di quello visto ai tempi di Tangentopoli. E’ questo che deve sancire il presidente Grasso, non gli insulti di Lucio Barani, il cui atto peggiore non è stato il gesto sessista, ma l’essere andato con Verdini. Craxi si sta rivoltando nella tomba contro di lui. Barani è un traditore

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sacerdote giustifica i pedofili: “Sono bambini che cercano affetto”. Diocesi Trento gli revoca incarico

next
Articolo Successivo

Raffaele Sollecito: “Errore che non rifarei? Fidarmi delle forze dell’ordine”

next