Le opposizioni decidono “la resistenza passiva” sull’articolo 10 delle riforme costituzionali, dopo che il ministro Maria Elena Boschi aveva dato parere contrario a tutti gli emendamenti. “Una decisione che serve a simboleggiare l’essere ostaggi del governo Renzi-Verdini“, attacca Gian Marco Centinaio, capogruppo al Senato delle Lega Nord, al termine della riunione con Forza Italia, M5S e Sel. “Le opposizioni non faranno ostruzionismo né argomenteranno le loro proposte, ma si limiteranno a votare”, afferma Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia che aggiunge: “Domani ci sarà un’altra riunione congiunta delle opposizioni per decidere se rivolgerci a Sergio Mattarella”. “Ci siamo assunti la responsabilità di essere maggioranza, non è vero che non abbiamo voluto discutere e modificare” ribatte il Presidente dei Senatori del Pd, Luigi Zanda  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, la maggioranza va sotto quota 160 in due voti segreti. Ma l’opposizione fa “resistenza passiva”

next
Articolo Successivo

Riforme: dopo la ‘porcata’ di Calderoli ci regalano la ‘fetenzia’ di D’Anna

next