Medici senza frontiere si è ritirata da Kunduz, la città afghana in cui l’ospedale dell’organizzazione non governativa è stato distrutto da un raid aereo, condotto dagli Usa (secondo Msf), con 19 morti e decine tra feriti e dispersi. Kate Stegeman, portavoce di Msf, ha precisato che parte del personale sta lavorando in altre strutture della città. Il presidente americano Barack Obama, ha espresso cordoglio per i medici e i civili rimasti uccisi nel “tragico incidente”, ma precisa di voler aspettare i risultati dell’inchiesta del Pentagono “prima di esprimere qualsiasi giudizio”, si legge in una nota della Casa Bianca. “Il ministero della Difesa ha lanciato un’inchiesta completa e aspetteremo i risultati prima di dare un giudizio definitivo sulle circostanze di questa tragedia”, ha detto Obama. “Ho chiesto al dipartimento – prosegue – di tenermi al corrente delle indagini e mi aspetto un resoconto completo dei fatti e delle circostanze. Michelle e io preghiamo per tutti i civili colpiti da questo incidente, le loro famiglie e le persone care”. Obama ha quindi ribadito che “continueremo a lavorare a stretto contatto con il presidente Ghani, il governo afgano e i nostri partner internazionali per sostenere le forze di difesa nazionale afghane che lavorano per garantire la sicurezza al loro Paese”.

L’Onu, ha detto il segretario generale Ban Ki-moon, vuole un’inchiesta “completa e imparziale”. Ban ha anche ricordato che ospedali e personale medico sono protetti dalla legge umanitaria internazionale. L’inchiesta – ha precisato il segretario generale – deve garantire che i responsabili rispondano delle loro azioni. Prima di Ban, l’Alto Commissario per i Diritti Umani Zeid Raad al Hussein aveva suggerito che, se si dovesse scoprire che è stato intenzionale, l’attacco a Kunduz protrebbe configurare un crimine di guerra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alluvione Costa Azzurra (FOTO e VIDEO): 17 morti e 3 dispersi. Vittime in una casa di riposo. Fermi per ore 5 treni Unitalsi

next
Articolo Successivo

Appunti dal mondo a km 0 – Kiev

next