Parapiglia convulso in due atti durante “Dalla vostra parte”, la striscia serale condotta da Paolo Del Debbio su Rete 4. Il primo match coinvolge la deputata di Forza Italia, Michaela Biancofiore, e il parlamentare del Pd, David Ermini. La miccia dello scontro è il caso di una ragazza disabile, la cui mamma si sente abbandonata dallo Stato. L’esponente di Forza Italia polemizza sul trattamento, a suo dire, preferenziale nei confronti degli immigrati e sottolinea: “Si danno 35 euro al giorno, e anche più, per gli immigrati e nulla ai nostri malati gravi, come questa ragazza che sembra dolcissima peraltro. Pensiamo prima agli italiani e alla fascia più debole degli italiani. Se si trovano i soldi per gli immigrati, anche per quelli clandestini, e non per i disabili”. Insorge Ermini, che si definisce “indignato” dal raffronto scomodato da Biancofiore tra malati e immigrati. L’atmosfera si arroventa e il deputato Pd ammonisce la collega: “Stai zitta e non starnazzare. Devi fare il confronto con chi ruba e chi evade le tasse. E’ inutile che sbraiti. Fai solo demagogia!“. A stento, Del Debbio cerca di sedare la polemica, poi è costretto a togliere l’audio del microfono della Biancofiore. La gazzarra, nei minuti finali della trasmissione, coinvolge l’europarlamentare della Lega e sindaco di Borgosesia, Gianluca Buonanno, che rinfaccia a Ermini la sua inesperienza nell’amministrazione di un Comune. “Tu sei renziano. Ma fatti furbo, Ermini” – sbotta Buonanno – “te e quel governo di merda che appoggi. Ma vaffambagno. Vergognatevi“. Il deputato Pd sorride, Del Debbio gli chiede scusa e si infuria per le interruzioni dell’esponente del Carroccio. “Io non mi scuso. Vergogna”, afferma l’europarlamentare leghista, che nel frattempo si toglie il microfono. “Io invece mi scuso” – ribadisce il conduttore – “E lei, Buonanno, qui non ci mette più piede. Vada a casa, che è meglio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vendola, polemiche e commenti omofobi per la pensione del leader di Sel. Su Twitter è #BabyVendola

prev
Articolo Successivo

Vendola baby pensionato, Grillo ritwitta messaggi omofobi sul suo profilo

next