Ricettazione, riciclaggio e indebito riciclaggio di codici di carte di credito clonate. Questi i reati per cui la polizia di Palermo ha effettuato 24 fermi nell’ambito dell’operazione Free Money. La banda riusciva a utilizzare carte di credito clonate a cittadini, prevalentemente europei e americani, da hacker russi. In questo modo i fermati riuscivano a far confluire fiumi di denaro in conti correnti palermitani. Secondo la polizia è plausibile che la truffa servisse anche a finanziare Cosa nostra palermitana. Nelle intercettazioni effettuate dalla polizia gli inquirenti sentono uno dei fermati esclamare al suo interlocutore: “…può essere che gli ho clonato la carta pure a tuo padre!”. Poi aggiunge: “mi… ho fatto una passata (di) 35mila euro con la Posta”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Case popolari Milano, 4 arresti per corruzione. Due sono dipendenti Comune

prev
Articolo Successivo

Raffaele Fitto assolto in secondo grado dall’accusa di corruzione nell’inchiesta Fiorita: “Non ci fu tangente”

next