Ai poliziotti che sono andati a cercarlo nel suo appartamento non ha opposto resistenza confessando subito tutto. “Sono io quello che cercate”: sono le poche parole che Raffaele Rende, 27 anni, ha detto quando, ieri sera, o dal suo appartamento di San Giovanni a Teduccio  è stato portato alla questura di Napoli. Si concludono così due giorni di caccia all’uomo scattata dopo il ferimento, giovedì sera, del poliziotto Nicola Barbato durante un servizio antiracket nel quartiere occidentale di Fuorigrotta.

A Rende è stato notificato un decreto di fermo della direzione distrettuale Antimafia di Napoli che lo accusa di duplice tentativo di omicidio, estorsione aggravata, detenzione e porto abusivo di arma, tutti aggravati dalle modalità mafiose. Il pm Maurizio De Marco e il procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, lo hanno interrogato a lungo nella notte nella Questura di Napoli, da dove è stato poi trasferito nel carcere di Secondigliano. Quattro persone che sono collegate alla fuga di Rende sono state denunciate dalla Polizia in stato di libertà per favoreggiamento.

Nel tentativo di evitare la cattura, Rende aveva completamente cambiato look: via la barba e nuova pettinatura con gel nei capelli. La foto di Rende era stata pubblicata da alcuni poliziotti venerdì scorso su una pagina Facebook con tanto di nome, modello e numero di targa dell’auto sulla quale si ipotizzava fosse fuggito dopo aver sparato a Barbato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità, dal Veneto alla Sicilia liste d’attesa infinite negli ospedali. E il monitoraggio del ministero è fermo al 2010

next
Articolo Successivo

Papa Francesco in Usa incontra vittime di abusi sessuali: “Provo vergogna”

next