“Dopo la notizia della mia assoluzione ho vissuto un momento di grande tristezza seguito da un momento di speranza. Sono stato abbandonato da alcuni colleghi ma anche da tante persone che mi dovevano tutto”. Così Emilio Fede a margine della presentazione del suo libro Se tornassi ad Arcore. Il bilancio di una vita da direttore. “La ruffianeria, come la prostituzione è una professione, io non l’ho mai esercitata, nemmeno nei confronti di Berlusconi“. E a proposito dei rapporti con l’ex premier Fede ha dichiarato: “Non ho mai pensato di andare contro a Berlusconi, i nostri rapporti dopo 24 anni di amicizia come pensate che siano? Ho ricevuto una sua telefonata, non mi chiedete né come né quando ma mi ha detto che mi ha voluto, mi vuole e mi vorrà sempre bene”, ha concluso  Video di Gaia Romani (alaNEWS)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ddl penale, la scheda: cosa e come cambia con la riforma della giustizia

prev
Articolo Successivo

Riforma Senato: Calderoli e gli 82 milioni di emendamenti, un comportamento da Codice penale

next