Gli esodati tornano in piazza davanti al ministero dell’Economica e i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl annunciano la mobilitazione ad oltranza fino alla salvaguardia degli ultimi 50mila lavoratori sospesi tra il lavoro e la pensione a seguito della riforma Fornero e l’applicazione dell’Opzione donna che consente il pensionamento a 57 anni con 35 anni di contributi. L’obiettivo è ottenere la settima salvaguardia prima della legge di stabilità ed evitare che le risorse del Fondo esodati siano usate per problemi generali

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pensioni, il governo prepara una nuova opzione donna. E spunta l’opzione uomo

prev
Articolo Successivo

Colosseo, Cgil: “Anche a Pavia ostacolata assemblea regolare. Lavoratori minacciati di sanzioni”

next