La torre Eiffel è rimasta chiusa tutta la mattina a causa di un’intrusione da parte di tre individui non ancora identificati. All’alba, verso le 5,30, i guardiani del monumento parigino tramite le camere di video-sorveglianza hanno notato tre persone provare ad entrare con degli zaini e delle imbragature.

Durante le ore di chiusura si sono formate quattro lunghe file di turisti. I cartelli elettronici intanto davano solo l’informazione di apertura ritardata. I visitatori hanno potuto cominciare a visitare la torre solo dalle 13 e 30 e non dalle 8 e 30 come di consueto.

Sono stati allertati gli artificieri e un elicottero ha perlustrato tutta la zona. La polizia non è riuscita ad individuare i tre intrusi che probabilmente erano degli appassionati di sport estremi. Potrebbero quindi essere scappati usando un paracadute. Le Parisien riporta comunque che i pompieri non hanno trovato nessun elemento sospetto all’interno della struttura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cuba, Papa Francesco dice messa in plaza de la Revolucion di fronte a 500mila persone (FOTO)

next
Articolo Successivo

Migranti, se la tragedia diventa farsa nel video-messaggio del sindaco-sceriffo ungherese

next