Continuano nel Piacentino le ricerche del disperso dopo l’esondazione del torrente Nure e l’alluvione che ha colpito Bettola lunedì. L’uomo ancora disperso è stato travolto dall’acqua mentre si trovava in auto insieme al figlio, Luigi Agnelli, trovato morto ieri. L’altra vittima del maltempo è la guardia giurata di 55 anni il cui corpo era già stato recuperato. Un alluvione che riapre la questione della cattiva gestione del territorio. Tanto che questa stasera SkyTg24 torna a proporre lo speciale “Dissesto doloso – Atto secondo”, che tratta delle calamità causate non solo dai fenomeni metereologici, ma anche da incuria, burocrazia e abusivismo. L’inchiesta sarà trasmessa oggi, mercoledì 16 settembre alle ore 23, sui canali 100 e 500 di Sky e in chiaro sul Canale 27 del digitale terrestre. Con il direttore Sarah Varetto, le telecamere di Sky TG24 compiono un lungo viaggio nei luoghi martoriati da crolli, alluvioni e inondazioni, per chiedere conto alle autorità responsabili di cosa, nel tempo, è stato o non è stato fatto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ma che sei scemo? Il fumo fammale”: la lettera di Nino Frassica a un fumatore

next
Articolo Successivo

Trattati di libero scambio: dai condizionatori ai reattori nucleari, ecco i prodotti considerati ‘green’

next