“Ho sempre parlato di rottamazione. C’è un limite alla demagogia. Io al massimo faccio due mandati. Se vengo eletto la prossima volta, è l’ultima. Punto. A casa dopo“. Lo dichiara il presidente del Consiglio e segretario del Pd Matteo Renzi, ospite a Otto e mezzo, su La7. Il premier si esprime sulle polemiche scatenate dal suo viaggio a New York, in occasione della finale degli Us Open: “La Fiera del Levante c’è tutti gli anni, ci torneremo il prossimo anno e tornerò a Bari nelle prossime settimane, ma la gioia di poter condividere un grande successo credo che sia molto bello. Se fosse stato calcio, nessuno avrebbe fatto polemiche. E mi lasci esprimere un cattivo pensiero. Tante polemiche perché era tennis femminile, mi viene il sospetto che andare a vedere la Nazionale i politici lo debbano fare, andare a vedere due tenniste bisogni storcere la bocca”. E aggiunge: “Volo di Stato? E’ naturale che un presidente del Consiglio, chiunque esso sia, si muova coi voli di Stato. E’ una cosa assolutamente scontata. Da noi la polemica si basa sul costo, ma invito tutti a vedere i soldi di palazzo Chigi prima e dopo la cura e i soldi del bilancio dello Stato. Stiamo facendo i tagli sulla spesa pubblica, ma l’idea” – continua – “che il presidente del Consiglio, il presidente della Repubblica e quello del Senato, non si muovano coi voli di Stato appartiene a una dinamica molto populista. Noi abbiamo eliminato 3mila poltrone pubbliche, messo un tetto allo stipendio dei manager. Poi c’è gente che avrebbe chiesto a Pertini il computo dei voli di Stato per i mondiali dell’82. C’è chi vive nel rancore e chi si vive qualche ora di inattesa felicità. Le polemiche lasciamole a chi vive di rancori”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Boschi: “Renzi ha avuto il coraggio di sfidare i poteri forti che ora non sanno più dove andare a parare”

prev
Articolo Successivo

Imu, Renzi: “Via tassa su prima casa anche per i ricchi perché impossibile riforma del Catasto”

next