Tutti all’ombra del ministero di Economia e Finanaza a Roma, dove la manifestazione dei sindacati contro la decisione del governo di azzerare il fondo esodati ha attirato molte telecamere, fotografi e microfoni. E alla fine sono arrivati anche i politici. Tanto che il leader della Lega Matteo Salvini, che avrebbe dovuto arrivare nel pomeriggio, ha deciso di anticipare al mattino. “Alla Camera e al Senato parlano di intercettazioni e di missioni militari, e nessuno ha trovato il tempo di occuparsi di centinaia di uomini e donne vittime della legge Fornero“, attacca Salvini al termine dell’occupazione simbolica del Ministero di Padoan. “E adesso andiamo a occupare Camera e Senato per ribadire che un governo normale deve dare risposte su una legge che normale non è”. Pronta la risposta del deputato del M5S Davide Tripiedi, che a Salvini ribatte: “La Lega è complice della legge Fornero: ha votato perché il pareggio di bilancio venisse inserito in Costituzione”. E spiega: “Così hanno impedito di poter riformare quella riforma vergognosa. Anche grazie alla Lega non si è potuto fare il referendum”. Salvini ribatte: “Uscite da facebook e blog, venite in piazza ogni tanto. Se stiamo a dire di chi è la colpa non si va da nessuna parte”. Il deputato M5S non ci sta: “Noi del M5S siamo sempre disponibili a votare una riforma che dia soluzioni vere e definitive”. Poi rilancia: “Questo del governo sugli esodati è il secondo scippo che fanno al fondo per i prepensionamenti, l’anno scorso hanno vuotato quello che riguardava i prepensionamenti per il lavori usuranti. Questa volta i soldi gli serviranno per togliere l’Imu o dare 80 euro a chi non ne ha bisogno e una casa ce l’ha”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi: “Masterchef e fiction hanno cambiato percezione sui cuochi: ora sono una cosa bella e non lavoro di serie B”

prev
Articolo Successivo

Expo, Renzi scivola scendendo dal palco della Coldiretti

next