Tutti all’ombra del ministero di Economia e Finanaza a Roma, dove la manifestazione dei sindacati contro la decisione del governo di azzerare il fondo esodati ha attirato molte telecamere, fotografi e microfoni. E alla fine sono arrivati anche i politici. Tanto che il leader della Lega Matteo Salvini, che avrebbe dovuto arrivare nel pomeriggio, ha deciso di anticipare al mattino. “Alla Camera e al Senato parlano di intercettazioni e di missioni militari, e nessuno ha trovato il tempo di occuparsi di centinaia di uomini e donne vittime della legge Fornero“, attacca Salvini al termine dell’occupazione simbolica del Ministero di Padoan. “E adesso andiamo a occupare Camera e Senato per ribadire che un governo normale deve dare risposte su una legge che normale non è”. Pronta la risposta del deputato del M5S Davide Tripiedi, che a Salvini ribatte: “La Lega è complice della legge Fornero: ha votato perché il pareggio di bilancio venisse inserito in Costituzione”. E spiega: “Così hanno impedito di poter riformare quella riforma vergognosa. Anche grazie alla Lega non si è potuto fare il referendum”. Salvini ribatte: “Uscite da facebook e blog, venite in piazza ogni tanto. Se stiamo a dire di chi è la colpa non si va da nessuna parte”. Il deputato M5S non ci sta: “Noi del M5S siamo sempre disponibili a votare una riforma che dia soluzioni vere e definitive”. Poi rilancia: “Questo del governo sugli esodati è il secondo scippo che fanno al fondo per i prepensionamenti, l’anno scorso hanno vuotato quello che riguardava i prepensionamenti per il lavori usuranti. Questa volta i soldi gli serviranno per togliere l’Imu o dare 80 euro a chi non ne ha bisogno e una casa ce l’ha”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi: “Masterchef e fiction hanno cambiato percezione sui cuochi: ora sono una cosa bella e non lavoro di serie B”

next
Articolo Successivo

Expo, Renzi scivola scendendo dal palco della Coldiretti

next