Nuovo crollo negli scavi archeologici di Pompei. Un muretto è crollato in un’area non aperta al pubblico. Lo comunica la soprintendenza speciale per Pompei, Ercolano e Stabia. Il cedimento è stato notato “nel corso dei regolari sopralluoghi svolti da personale di vigilanza e da funzionari”.

Il muretto delimitava due ambienti non coperti della Caupona di Demetrius e Helpis Afra. “Si tratta di un muro in opera incerta – aggiunge la soprintendenza – non affrescato, di circa 2 metri di lunghezza restaurato nel dopoguerra a seguito dei gravi danneggiamenti subiti dai bombardamenti del 1943 nell’area. L’edificio si trova in un’area non aperta al pubblico, per la quale è già stata progettata la messa in sicurezza nell’ambito del Grande Progetto Pompei i cui lavori, già in gara, inizieranno a breve”.

Non si arrestano dunque i crolli negli scavi. A marzo 2014 si registrarono ben tre cedimenti in tre giorni. In quell’occasione, secondo il direttore generale del sito, Luigi Malnati, la causa era da attribuire al “maltempo e dalle forti piogge”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Buona scuola, la formula per assegnare le cattedre l’ha inventata un insegnante precario

next
Articolo Successivo

Festa di CasaPound, Comune di Castano Primo: “Ecco come sono andate le cose”

next