Hanno fatto salire su un treno alcuni migranti, convinti di essere diretti in Austria, ma i vagoni si sono fermati a 35 chilometri di distanza da Bicske, dove si trova un campo per richiedenti asilo. È questo l’antefatto, risalente al 3 settembre scorso, che ha suscitato l’attacco del cancelliere austriaco nei confronti dell’Ungheria. “Stipare i rifugiati nei treni e mandarli in luoghi completamente diversi da quelli che essi credono, ci ricorda i più bui capitoli della storia del nostro continente”sono le parole di Werner Faymann, cancelliere austriaco che ha praticamente paragonato le politiche ungheresi nei confronti dei rifugiati alle deportazioni del nazismo.

“Dividere gli esseri umani per religione è inaccettabile“, ha aggiunto Faymann, commentando poi il fatto che alcuni Paesi dell’est europeo, tra cui proprio l’Ungheria del premier Viktor Orban, abbiano espresso preoccupazione dato che molti profughi che arrivano nel nostro continente sono di religione musulmana . Durissima la replica del governo magiaro.  “Le frasi di Werner Faymann oggi superano ogni tolleranza”, ha detto il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto, che ha definito le parole del cancelliere austriaco come “calunnie incoscienti“. L’Ungheria, ha detto, rispetta tutti gli obblighi comunitari e ha accusato Faymann di parlare per trovare appoggio politico nel suo Paese, in vista delle elezioni regionali. Ma non solo. Perché il ministero degli Esteri ungherese ha fatto sapere che l’ambasciatore austriaco a Budapest è stato convocato e dovrà presentarsi lunedì per pronunciarsi sulle affermazioni del cancelliere.

Nel frattempo le ferrovie ungheresi hanno cominciato i lavori per la costruzione di una specie di “porta” lungo i binari della linea tra Subotica, in Serbia e Szeged, Ungheria. Si tratta di una sorta di barriera per le migliaia di migranti e profughi che passano illegalmente il confine fra i due Paesi, lungo la ferrovia per evitare il muro metallico in costruzione alla frontiera per ordine di Orban. Per i migranti seguire i binari serve a non sbagliare strada: la “porta”lungo la ferrovia invece sarà pronta entro lunedì. Il giorno dopo, e cioè martedì 15 settembre, è prevista invece l’entrata in vigore in Ungheria delle nuove norme in fatto di immigrazione, che prevedono l’arresto di chi entrerà illegalmente nel Paese con condanne fino a tre anni di carcere.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gb, Corbyn: “Mia prima azione da leader labour sarà marciare per i rifugiati”

next
Articolo Successivo

Profughi, 34 morti in Grecia. Austria, 42 migranti in un camion frigo. Berlino: “L’Ue ha fallito completamente”

next