Due cognomi assonanti per due sensibilità agli antipodi. Ad accomunare Franco Maresco e Vincenzo Marra è la loro presenza veneziana quali i due italiani di giornata, rispettivamente fuori concorso e in concorso ai Venice-Days – Giornate degli Autori. Il primo – naturalmente assente dal Lido come da sua consuetudine – presenta il documentario Gli uomini di questa città io non li conosco. Vita e teatro di Franco Scaldati, mentre il secondo si confronta con il film-autobiografia La prima luce.

Riconosciuto dalla critica teatrale come talento inestimabile ma pressoché rimasto sconosciuto al grande pubblico, Franco Scaldati è stato autore, drammaturgo, scrittore, attore e poeta nella Palermo delle avanguardie culturali degli ultimi 40 anni, fino a morire nel 2013 indigente e quasi dimenticato addirittura dai palermitani. Il giovane Maresco (allora in coppia con Ciprì) lo adottò a padre spirituale, al punto da riconoscere che “se non avessi avuto il privilegio di conoscere Franco Scaldati, più di 30 anni fa, il mio cinema sarebbe stato un’altra cosa e, chissà, forse non avrei nemmeno deciso di fare il regista”. Il personaggio/persona ed artista Scaldati esce con potenza dall’opera dell’amico Maresco che vi costuisce attorno un elogio composto ma emozionante sullo sfondo del quale emerge una Palermo oggi scomparsa. I due lavorarono insieme nei vari film di Ciprì e Maresco: uno su tutti, lo si ricorda quale splendido protagonista de Il ritorno di Cagliostro nel 2003.

Su tutt’altri orizzonti viaggia invece il film di Vincenzo Marra, che rielabora non senza fatica alcuni dei dolorosi fatti della sua vita, allorchè la compagna cilena se ne andò dall’Italia portandosi a presso il figlioletto. L’immensa sofferenza del regista si è trasformata oggi ne La prima luce, interpretato da un intenso Riccardo Scamarcio nei panni del suo alterego. Chiaramente gran parte della narrazione nasce per motivi drammaturgici e non si rifa esattamente alla cronaca reale vissuta da Marra. “Non volevo fare un film che distruggesse uomini o donne, padri o madri ma un lavoro che vuole dimostrare quanto al giorno d’oggi un padre possa prendersi cura, amare, crescere ed educare un figlio allo stesso modo di una madre” ha spiegato il cineasta napoletano aggiungendo che per lui La prima luce “è film sottile con un padre innamorato di suo figlio fin dal primo momento: non ci sono corna o violenza perché quello che lo contiene é cinema di serie B”. La pellicola uscirà nelle sale il 24 settembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festival Venezia 2015, Remember di Atom Egoyan: “Un thriller sul ricordo e sul trauma”

prev
Articolo Successivo

Leone d’oro 2015, il ‘toto-vincitori’: Francofonia resta il film con maggiori consensi, promettono bene Benemoth e Per Amor Vostro

next