Come parrocchia di Sant’Anna, parrocchia di San Pietro e realtà del Vaticano, abbiamo pensato di offrire due appartamenti. Ma non solo. Ci impegneremo a trovare il lavoro per il capo famiglia“. Così padre Bruno Silvestrini, parroco di Sant’Anna, una delle due parrocchie del Vaticano assieme alla basilica di San Pietro, risponde allappello lanciato ieri da Papa Francesco a tutte le parrocchie d’Europa affinché ciascuna ospiti almeno una famiglia di profughi. Intervistato da Tiziana Campisi per Radio Vaticana, il religioso assicura: “Il lavoro che ci impegniamo a trovare per il capo famiglia gli dovrà consentire di vivere dignitosamente questo periodo, in cui rimarranno in questo luogo per poter affrontare poi l’inserimento in questa società – se sarà necessario – oppure andare altrove, secondo le loro necessità”. E aggiunge: “Per noi adesso c’è il momento dell’accoglienza, l’accoglienza che vogliamo dare qui in Vaticano, in modo particolare anche con il sorriso sulle labbra, con l’entusiasmo cristiano di chi accoglie amando le persone che sono di fronte a noi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’accoglienza e l’obiezione nazionalistica

next
Articolo Successivo

Autismo: Renzi ha mai conosciuto un ragazzo che ne soffre?

next