Chiara Obino ce l’ha fatta, aggiungendo un altro primato al suo ricco palmares. L’apneista cagliaritana questa mattina nelle acque di Geremeas ha stabilito il nuovo record italiano femminile in assetto costante con due pinne (Cwt Bp), scendendo alla profondità di 71 metri in 2 minuti e 36 secondi. Nel maggio scorso Chiara Obino aveva stabilito un altro record italiano di apnea, in assetto costante senza pinne scendendo a meno 49 metri. E il 19 settembre tenterà di battere il record mondiale con due pinne, attualmente di meno 86 metri, sempre nelle acque del Golfo di Cagliari. Di professione dentista, 39 anni, due figlie, Chiara Obino non è nuova a certe imprese estreme. Il segreto? Tanta passione e allenamenti tutti i giorni. “Sono felicissima per il record e contenta di essere tornata al primo amore, le due pinne – riporta l’Ansa – dopo anni in cui si usava solo il monopinna, un’attrezzatura più tecnica che ti permette maggiori prestazioni (in allenamento è scesa sino a 90 metri, ndr). Ci vuole una grande passione, passione pura per questo sport, molto impegnativo, con cui testo me stessa in condizioni estreme” (video Ansa)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rugby, campione neozelandese schiaccia in meta. E il pallone esplode

next
Articolo Successivo

Calcio, lo steward tenta il placcaggio e cade: l’invasore lo deride

next