Chiara Obino ce l’ha fatta, aggiungendo un altro primato al suo ricco palmares. L’apneista cagliaritana questa mattina nelle acque di Geremeas ha stabilito il nuovo record italiano femminile in assetto costante con due pinne (Cwt Bp), scendendo alla profondità di 71 metri in 2 minuti e 36 secondi. Nel maggio scorso Chiara Obino aveva stabilito un altro record italiano di apnea, in assetto costante senza pinne scendendo a meno 49 metri. E il 19 settembre tenterà di battere il record mondiale con due pinne, attualmente di meno 86 metri, sempre nelle acque del Golfo di Cagliari. Di professione dentista, 39 anni, due figlie, Chiara Obino non è nuova a certe imprese estreme. Il segreto? Tanta passione e allenamenti tutti i giorni. “Sono felicissima per il record e contenta di essere tornata al primo amore, le due pinne – riporta l’Ansa – dopo anni in cui si usava solo il monopinna, un’attrezzatura più tecnica che ti permette maggiori prestazioni (in allenamento è scesa sino a 90 metri, ndr). Ci vuole una grande passione, passione pura per questo sport, molto impegnativo, con cui testo me stessa in condizioni estreme” (video Ansa)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rugby, campione neozelandese schiaccia in meta. E il pallone esplode

next
Articolo Successivo

Calcio, lo steward tenta il placcaggio e cade: l’invasore lo deride

next