“Sul settore sanitario si può ancora tagliare tra i 3 e i 5 miliardi”. Ne è convinto Carlo Cottarellli, ex commissario straordinario alla spending review e oggi direttore esecutivo del Fondo monetario internazionale. “Negli ultimi 20 o 30 anni, nel settore della sanità la spesa è aumentata – ha spiegato in una conferenza stampa al Meeting Cl di Rimini – ma meno di quanto è successo in altri paesi. Ci sono ovviamente dei risparmi da fare: tra i 3 e i 5 miliardi ulteriori, rispetto a quelli fatti attualmente, senza contare la parte che deriverebbe dai risparmi sugli acquisti di beni e servizi, quindi acquistando a prezzi più bassi. La cosa importante è cercare di arrivare ad un intervento mirato, perché ci sono già realtà molto efficienti e altre meno”. Secondo Cottarelli poi l’obiettivo di spending review di 10 miliardi fissato dall’esecutivo è “raggiungibile, ma sarebbe meglio se si riuscisse ad andare oltre” di Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Evasione, 2 milioni di lavoratori in nero e 25 miliardi ‘immaginari’

prev
Articolo Successivo

Debito pubblico, quando la tecnica ‘salasso’ degli economisti stregoni non basta

next