La figuraccia è di quelle che bastano per nascondersi in un angolo remoto dell’universo per qualche millennio, sperando di riemergere in un epoca in cui il ricordo dell’evento si sia affievolito. Sta circolando spietatamente in rete il video che riprende una scena epica: probabilmente annoiato dalle spiegazioni impartite in aula, un giovane studente australiano ha pensato di trastullarsi con un filmato hard. Aperto il portatile, ha inserito (male) le cuffie, senza accorgersi che gemiti e gridolini erano diffusi in tutta la grande aula dove decine di studenti si sono accorti dell’inconveniente ed hanno iniziato a ridere, fino a farlo scappare, rosso di vergogna

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calci, pugni e peperoncino. Rissa tra poliziotti e venditori ambulanti di mini-Torre Eiffel

next
Articolo Successivo

Australia: il lavoro più bello del mondo, nell’isola che non c’è

next