La figuraccia è di quelle che bastano per nascondersi in un angolo remoto dell’universo per qualche millennio, sperando di riemergere in un epoca in cui il ricordo dell’evento si sia affievolito. Sta circolando spietatamente in rete il video che riprende una scena epica: probabilmente annoiato dalle spiegazioni impartite in aula, un giovane studente australiano ha pensato di trastullarsi con un filmato hard. Aperto il portatile, ha inserito (male) le cuffie, senza accorgersi che gemiti e gridolini erano diffusi in tutta la grande aula dove decine di studenti si sono accorti dell’inconveniente ed hanno iniziato a ridere, fino a farlo scappare, rosso di vergogna

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calci, pugni e peperoncino. Rissa tra poliziotti e venditori ambulanti di mini-Torre Eiffel

prev
Articolo Successivo

Australia: il lavoro più bello del mondo, nell’isola che non c’è

next