“Posso dire da cittadina di essere esterrefatta per il fatto che Galan sia ancora deputato e presidente della commissione Cultura della Camera. Pensavo che un uomo con il senso delle istituzioni si dimettesse, ma lui ha dimostrato di non esserlo”. A dirlo è la presidente della Camera Laura Boldrini che già in passato aveva spiegato come non potesse fare niente per rimuovere l’ex presidente del Veneto ed ex ministro almeno dalla carica di presidente di commissione. I Cinque Stelle infatti avevano chiesto a Montecitorio la sua rimozione. A difendere Galan era stato solo il capogruppo berlusconiano Renato Brunetta. Giancarlo Galan è accusato di corruzione per l’inchiesta sul Mose di Venezia: ha patteggiato la pena di 2 anni e 10 mesi. Da ottobre 2014 si trova ai domiciliari nella sua villa di Cinto Euganeo, in provincia di Padova. Galan aveva fatto appello fino in Cassazione, ma la Suprema Corte ha confermato la pena: ora il parlamentare ha chiesto di poterla scontare ai servizi sociali. 

Dal palco del teatro Fenice di Senigallia, dov’è in corso il Cateraduno di Radio2, la presidente della Camera ha definito “paradossale che Galan sia ancora parlamentare, lo dico da cittadina. Ma vorrei che fosse chiaro che le Camere non hanno nessuno strumento per farlo dimettere. Siamo consapevoli della gravità della situazione, ma ora inizierà tutta una procedura che dalla Giunta per le Elezioni porterà in Aula la decisione sulla decadenza o meno”. Anche in questo caso si tratta della legge Severino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il referendum greco e quello del M5S

prev
Articolo Successivo

Moby Prince, commissione inchiesta: no del Senato a calendarizzazione d’urgenza

next