Parliamo di un vero e proprio mistero di Stato. Sulla questione dell’uranio impoverito si deve tirare fuori dai cassetti la verità”. Questa la richiesta del capogruppo di Sel alla Camera, Arturo Scotto, presentando alla stampa la proposta di legge per istituire una commissione parlamentare di inchiesta sui casi di morte e di gravi malattie che hanno colpito il personale italiano impiegato in missioni militari all’estero. Proposta che è stata approvato all’unanimità dall’Aula della Camera. “I diritti che valgono per tutti devono valere anche per i militari. La commissione – ha spiegato Donatella Duranti, firmataria del testo insieme al collega Michele Piras – lavorerà per due anni e indagherà sui casi di morte e di gravi malattie. Oggi non si conoscono i dati precisi dei militari colpiti da malattie gravi o deceduti, perché non è mai stato fatto un monitoraggio. C’è un’enorme vergogna nazionale per cui – conclude – da una parte l’Italia esalta l’eroismo nazionale e dall’altra nega a questi ragazzi un minimo di riconoscimento una volta che si ammalano per causa di servizio”  di Manolo Lanaro

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Efficienza energetica, procedura Ue contro l’Italia: “Direttiva recepita in ritardo e male”. Ma il decreto non c’è

prev
Articolo Successivo

Ilva, la Procura rifiuta il patteggiamento: “Danno ambientale da 1,8 miliardi”

next