Cinquemilatrecentonovantotto euro. Ieri sul mio conto corrente è stato accreditata questa somma per le competenze di consigliere regionale dal 10 giugno (data della proclamazione) al 30 giugno. Provo un certo imbarazzo, considerato anche che in questo periodo non si è lavorato molto. A breve proporrò qualcosa di diverso, a partire da me stesso e senza cercare di impoverire nessuno”. E’ il contenuto di un post pubblicato il 27 giugno scorso su Facebook da Giuseppe Biancarelli, neo eletto consigliere regionale in Umbria per la lista di centrosinistra, “Umbria più uguale”. Il politico di Gubbio, che già in passato ha ricoperto incarichi elettivi al Comune, è stato contattato telefonicamente da Giuseppe Cruciani, durante “La Zanzara” (Radio24). E con il conduttore si è reso protagonista di un vivace battibecco. “Voi giornalisti non cominciate, per favore – ha lamentato Biancarelli – quello che dovevo dire l’ho scritto. Punto. Non voglio spiegare niente, è chiarissimo”. Alle rimostranze del conduttore, che ha insistito nel voler chiarimenti sul post, sottolineando che si trattava di soldi pubblici, il consigliere ha replicato: “Io non ho nulla da dire, perché poi i giornalisti mi fanno dire cose che non voglio dire. Sono imbarazzato perché sono una persona normalissima, non è che 5mila euro li ricevo sempre. Io sono abituato a lavorare in campagna e in quei 20 giorni non ho certamente lavorato come è mio solito. Ma, come ho scritto anche sul mio programma elettorale, farò qualcosa a partire da me stesso: dare un segnale per abbassare le indennità“. E ha aggiunto: “Io addirittura pensavo che avrei preso quei soldi dalla data d’insediamento del Consiglio Regionale, che è il 9 luglio. Poi qualche giorno fa mi hanno detto che dovevo portare l’Iban. Ero pure l’ultimo” di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diop, il fan senegalese di Salvini : “Sogno un’Africa fascista e nazionalista”

prev
Articolo Successivo

Prescrizione, maggioranza paralizzata: vertice a vuoto. Nasce gruppo ristretto

next