Misure di sicurezza rafforzate, fino alla messa al bando dei thermos per il tè. Dopo l’attentato di Tunisi e la Gran Bretagna che ha pagato il tributo di sangue più importante, la grande festa del torneo di Wimbledon è diventata sorvegliata speciale. Secondo il Times, Scotland Yard sta aumentando la presenza dei suoi agenti per proteggere i luoghi pubblici, Wimbledon compreso (tra l’altro tra pochi giorni si ricorderà la strage di Londra del 7 luglio 2005, di cui ricorre il decimo anniversario).

Sotto il profilo sportivo, invece, i favoriti restano Novak Djokovic in campo maschile e Serena Williams tra le donne. E’ stato il numero uno al mondo, nonché detentore del titolo, ad inaugurare il Centrale contro il tedesco Philipp Kohlschreiber (battuto 6-3 6-4 6-4), mentre per Serena – all’inseguimento del Grande Slam dopo i successi a Melbourne e Parigi – l’esordio è stato contro la russa Margarita Gasparyan sconfitta 6-4 6-1.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma 2024? Le Olimpiadi nella capitale sarebbero un bel danno

next
Articolo Successivo

Salto in alto, Gianmarco Tamberi eguaglia il record italiano e vince al meeting di Colonia – FOTO

next