“L’unico modo per avere la pacificazione in Val di Susa è che prendano le loro cose e i loro uomini e se ne vadano da questo territorio. A smontare il resto ci pensiamo noi”. A parlare è Lele Rizzo, uno dei leader del movimento No Tav che oggi ha provato a raggiungere le reti del cantiere Tav. Un corteo partecipato di circa 3mila persone che ha puntato il dito contro la militarizzazione della val Susa che impedisce la vita quotidiana delle persone. Giunti nei pressi del cantiere, sulla strada dei vini dell’Avanà, un gruppo di manifestanti incappuciati ha provato a tirare giù le reti, ma il tentativo è stato respinto con lacrimogeni e idranti  di Simone Bauducco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, prosciutti polacchi venduti come italiani. Coldiretti: “Punta di un iceberg”

next
Articolo Successivo

Papa Francesco, governo boliviano: “Ci ha chiesto di poter masticare foglie di coca”

next