Secondo le indagini della Guardia di Finanza, in Regione Calabria c’è addirittura chi ha presentato una doppia documentazione per ottenere soldi pubblici che non gli spettavano. L’inchiesta, per peculato e falso che riguarda gli anni 2010, 2011 e 2012, ha portato anche l’attuale assessore ai Lavori pubblici Antonino De Gaetano a finire agli arresti domiciliari. Stessa misura per l’ex parlamentare di Forza Italia e del Pdl Luigi Fedele. Per il senatore Giovanni Bilardi (Nuovo centrodestra) i magistrati dovranno ottenere l’autorizzazione del Parlamento. Il divieto di dimora è scattato per un ex autista di Bilardi e per quattro ex consiglieri. Ma sono otto in totale le misure firmate dal gip – tre arresti domiciliari e cinque divieti di dimora – che ha disposto sequestri per 2 milioni e mezzo a carico di 27 indagati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, “solo il 16% degli italiani è per l’accoglienza. 66% critica Renzi in Ue”

prev
Articolo Successivo

Sciopero mezzi pubblici a Roma: chiusa Metro A, la B funziona a corse ridotte

next