“Ho visto un linguaggio da parte di insegnati, educatori e genitori che non mi aspettavo, è stata una piazza violenta quella del Family Day“. Parla la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli (Pd) firmataria del disegno di legge sull’insegnamento dell’identità di genere nelle scuole al centro delle contestazioni, oltre al testo della Cirinnà sulle unioni civili, del Family Day del 2o giugno a Piazza San Giovanni a Roma. “Il mio provvedimento – continua – vuole difendere nella loro unicità tutti i bambini e le bambine con l’introduzione nei vari livelli di istruzione della parità di genere. Tutto questo significa educare alle differenze e alla non violenza”. “Sterco del demonio, si vogliono insegnare giochi erotici ai bambini dell’asilo“, sono alcune delle accuse partite dalla piazza. “Io mi arrabbio davvero – controbatte Fedeli – significa mistificare“. E sulla tanto discussa ‘Teoria Gender‘ l’esponente Pd chiarisce: “Non esiste questa ideologia, io sto solo cercando di introdurre nelle scuole la libertà di scelta”. Agli esponenti del Nuovo CentroDestra, da Carlo Giovanardi a Maurizio Lupi, presenti in piazza, la vicepresidente del Senato afferma: “Di chi è poi la responsabilità quando un ragazzo si suicida perché  viene accettato? La parità di genere è stato poi introdotta nella Buona Scuola che mi auguro venga approvato il prima possibile”. La piazza di San Giovanni potrà bloccare il ddl? “Assolutamente no. Non mi sento una sovversiva che mette in pericolo la famiglia tradizionale ma sto lavorando per fare in modo che i nostri ragazzi crescano con più libertà in una società che li rispetti per quello che sono”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini: ‘Pelù? Non vende più dischi, è stato dimenticato e ha bisogno di attaccarmi’

prev
Articolo Successivo

Migranti, Renzi in Senato: “Sinistra non deve temere il concetto di rimpatrio”

next